In: gioca per iPhone: un lettore musicale diverso e spesso migliore

Esistono diverse app musicali sull'App Store. Abbiamo già menzionato alcuni qua e là, ma sicuramente non ce n'è nemmeno uno con un approccio unico come in gioco (è così che gli piace scrivere il proprio nome).




Diamo un'occhiata a ciò che rende questa app musicale così unica.

Lavatrice Recensioni



Interfaccia e design

Per chi cerca a app musicale è semplice e minimale, in: il gioco molto probabilmente soddisferà tutte le loro aspettative. L'app deve essere utilizzata non solo da sola, ma anche senza guardarla.



Ciò si ottiene implementando in: play a serie di gesti che vengono utilizzati per navigare attraverso di esso, con la maggior parte degli scenari che non hanno nemmeno bisogno di obiettivi specifici per toccare lo schermo. Caso in questione: durante la riproduzione di un determinato brano, toccando qualsiasi parte dello schermo lo metterà immediatamente in pausa, mentre un altro tocco simile riprenderà la riproduzione.

I brani in riproduzione sono presentati su uno sfondo bianco (o nero, a seconda della scelta) che mostra solo le informazioni minime necessarie su di essi.

Contrariamente ad altre app musicali, però: in: play usa i gesti in modo intelligente anche in questa visione minimale, usando i nomi di canzoni, album e artisti per personalizzare il modo in cui ascolti la tua musica (ne parleremo più avanti). Oltre a ciò, praticamente tutta la navigazione all'interno dell'app è gestita da gesti, rendendola ideale anche per i jogger e le persone che potrebbero avere poco tempo per interagire con i loro lettori musicali.

Se c'è una lamentela che ho con l'app, è che sfoggia solo una combinazione di colori e che il suo aspetto non è affatto personalizzabile (oltre alla scelta degli sfondi). Sarebbe bello avere almeno alcune opzioni in questo dipartimento.





Utilizzo in: play

Con un'app che si concentra così tanto sul suo design minimale, ti aspetteresti che sia meno che ottimale dal punto di vista dell'usabilità, eppure in gioco dimostrato sorprendentemente piacevole quando lo si utilizza, proprio come la prima volta che scopri quel film o canzone che diventa rapidamente uno dei tuoi preferiti. Il motivo è quanto sono intuitivi i controlli gestuali all'interno dell'app. Fai scorrere il dito da destra a sinistra per passare al brano successivo o da sinistra a destra per ascoltare quello precedente. Tocca e tieni premuto il tempo di riproduzione e sarai in grado di scorrere la canzone muovendo il dito lentamente verso sinistra o destra.

Ciò che rende: suonare davvero diverso, però, è il suo approccio originale per ordinare e filtrare le canzoni chiamate Contesto profondo. Questa funzione ti consente di cambiare, al volo, il modo in cui vuoi ascoltare la tua musica semplicemente toccando e tenendo premuto il nome o l'album di un determinato artista.

Diciamo, ad esempio, che stai ascoltando una canzone di un artista che ti piace e vorresti ascoltare altre sue canzoni. Per farlo, tutto ciò che devi fare è toccare e tenere premuto il nome dell'artista. Una volta fatto, tutte le canzoni successive e precedenti che suonerai provengono da quell'artista. Lo stesso vale per gli album, quindi se ti imbatti in uno che ti piace, con questa funzione puoi iniziare immediatamente ad ascoltare tutto.

Sulla carta, potrebbe non sembrare una funzionalità molto interessante, ma una volta che inizi a usarlo sarai agganciato.

Se tutti questi gesti e funzionalità non sono la tua tazza di tè, scorrere lo schermo dall'alto verso il basso rivelerà una schermata di selezione tradizionale con gli elenchi di artisti, canzoni, playlist e generi che tutti sono abituati a trovare su altre app musicali.

Un bel tocco in questa vista è che, su qualsiasi brano della lista, scorrendolo da destra a sinistra lo aggiungerà alla playlist attualmente in riproduzione, mentre scorrendolo nella direzione opposta inizierà a riprodurlo.





Considerazioni finali su in: gioco

in: play è una di quelle app che non ti piacciono fino a quando non le usi, e quando lo fai ti chiedi come alcuni dei suoi gesti e funzionalità non vengano utilizzati da altre app simili. Potrebbe non supportare altre funzionalità avanzate come AirPlay o iTunes Match, ma almeno l'app è gratuita per ora e si spera che servirà ad altri giocatori più famosi sul campo per saperne di più.