Ecco uno Scrambler di riconoscimento facciale per rispondere alle tue preoccupazioni sulla privacy

Software di riconoscimento facciale sono in una fase avanzata oggi, con Amazon e altri testano lo shopping usandolo, Facebook sfruttandolo per suggerire tag agli utenti e ai poliziotti che cercano tra centinaia di milioni di volti sui loro server.




Shutterstock

In tale momento, per quelli che lo sono preoccupato per la loro privacy, un artista con sede a Berlino è uscito con un concetto di mimetizzazione, mutuato dal regno animale.

Adam Harvey del progetto HyperFace ha escogitato progetti con motivi che apparirebbero come volti del software visivo, confondendo l'algoritmo con un sovraccarico di volti in modo che non sia in grado di dire quale sia reale.



Secondo la compagnia, 'HyperFace è un nuovo tipo di mimetizzazione che mira a ridurre il punteggio di confidenza del rilevamento e del riconoscimento facciale fornendo volti falsi che distraggono gli algoritmi di visione artificiale.'

HyperFace è stato sviluppato in collaborazione con il progetto NeuroSpeculative AfroFeminism di Hyphen Labs.



In un hacking del Congresso sulle comunicazioni del caos conferenza ad Amburgo, Germania, Adam Harvey ha detto: 'Ho preso ispirazione dalla falsa colorazione nel regno animale. HyperFace riguarda la reimmaginazione della relazione figura-terra tra il corpo umano e il nostro ambiente nel contesto della visione artificiale. '

Lo sviluppo di HyperFace è iniziato nel 2013 ed è stato presentato per la prima volta davanti a un pubblico al 33c3 di Amburgo, in Germania, il 30 dicembre 2016.

Il prodotto sarà lanciato come stampa tessile al Sundance Film Festival il 16 gennaio 2017.

“Il vero criminale, in questi casi, sono le persone che stanno perpetrando questa idea, non le persone che vengono guardate. Penso che questo progetto potrebbe cambiare l'approccio degli stilisti e degli architetti nel modulare il modo in cui i corpi appaiono o scompaiono sullo sfondo di un mondo leggibile dalla visione artificiale e ottimizzare la nostra privacy personale ', ha aggiunto Harvey.

Nelle parole della società, 'se un algoritmo di visione artificiale si aspetta un volto, dagli quello che vuole'. Gli sviluppatori sono consapevoli delle complicazioni legate all'occultamento completo della rilevazione facciale, ma mirano a ridurre il punteggio di confidenza dell'algoritmo.

Come si dice, se non riesci a convincerli, a confonderli e, sebbene costituisca una sfida tecnica ed estetica, HyperFace non ha niente di meno.